martedì 24 maggio 2011

UNA, NESSUNA E CENTOMILA

Oggi è martedì e scrive Licia 


E come ogni martedì che si rispetti parliamo di talenti "talentuosi". Vi presento Anna, stilista emergente, dotata di una forte creatività introspettiva. 
Ricordo la prima volta che l'ho incontrata, una paio d'anni fa. Era autunno. Fiera White a Milano. Il suo debutto. Mi è bastato un rapido sguardo alle sue creazioni e sono capitolata. Letteralmente fall in love. Da allora non ho mai smesso di seguirla. 
Segni particolari: una risata fragorosa e contagiosa, di quelle che colorano di buono anche le giornate più nere.

Nome? Anna Francesca Ceccon
Età? 37 a giorni.




Dove vivi? Milano
Cosa hai in borsa? Di tutto e senza un minimo d'ordine. Rossetto rosso, fazzoletti, monetine di nazionalità varia e un quaderno per annotare tutte le mie idee.
Non esci mai di casa senza? Esco di casa sempre senza qualcosa e poi torno indietro.
Cosa fai per vivere? Sono designer e imprenditrice di un marchio di moda, MOI MULTIPLE.
Cosa significa MOI MULTIPLE? Io multipla, cioè l'idea che ogni donna debba sempre essere più cose allo stesso tempo. Lavoro sulla transitorietà dell'identità.
Come hai iniziato questa avventura? Facendo piccoli oggetti che vendevo personalmente nei mercatini  di Portobello Road a Londra.
La moda è? Amo la labilità e l'effimero della moda. Il potersi ricreare ogni sei mesi.

Moda e cortometraggi. Qual è il filo rosso? Dato che creo delle collezioni che partono da storie o concetti personali mi sembra utile spiegarli tramite video.
Mi descrivi il tuo ultimo corto? L'ho fatto in collaborazione con il gruppo FORMULABRUTA. Rappresenta la mia idea estetica di tradizione che va rinnovata, anche a costo di distruggere il conosciuto.

video

Ispirazioni? Sempre diverse. Mi interesso prevalentemente ad artisti o vite particolari, non m'ispiro mai al mondo della moda. Da Burri a Loie Fuller, da Tamara de Lempicka a Michelangelo Antonioni.
Se fossi un colore? L'arcobaleno.
Cosa vorresti fare da grande? Quello che faccio oggi, ma con la libertà di scegliere e dosare i tempi.
La canzone che canti a squarciagola sotto la doccia? Cambio anche questo, tre giorni al massimo e poi cambio. In questi giorni è la volta di Across 110th street di Bobby Womack
Vizio segreto? Il perfezionismo.
Top 5. Cinque cose per cui vale la pena vivere?
- Il mare
- Quentin Tarantino
- L'art nouveau
- L'autoironia
- I cappellini anni '50
Se fossi un frutto? Il melograno, dalla scorza dura e pieno di mille semini.
Cosa non sopporti? La superficialità.
Cosa ne pensi dei giovani designers in Italia, sono supportati a dovere? Alcuni concorsi o giornali aiutano moltissimo il lancio di nuovi designers, poi bisogna essere capaci, da soli, di diventare imprenditori e trasformare la propria creatività in business. E questo è molto difficile, perchè poco vicino alle caratteristiche dei creativi.
Il giorno più felice della tua vita? Il 13 Aprile del 2006.
Cosa bolle in pentola? E' una pentola a pressione e non si può vedere dentro. Speriamo che non esploda.
L'ultimo libro che hai comprato? "Ruggine e ossa" di Craig Davidson.
Il tuo piatto preferito? Le tagliatelle con il ragù.

Una, nessuna e centomila le moltitudini nascoste in ogni donna. Grazie Anna che modelli e crei abiti pensando alle nostre mille sfaccettature. 
"Siamo così dolcemente complicate sempre più emozionate, delicate, ma potrai trovarci ancora qui."


Buon martedì
Licia Bonesi

Nessun commento:

Posta un commento